Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Le buone norme per proteggere i propri dati su internet

 

  1. Cambiare spesso la password.

Una volta al mese è la frequenza ideale. In alcuni uffici non è possibile riutilizzare una password già usata nei 12 mesi precedenti e questo mette al sicuro i dati aziendali da rischi online. Modificare le password tutti i mesi e ricordarsele non è una pratica che tutti gli utenti mettono in atto sul proprio pc personale; tuttavia è necessario farlo per evitare che possano essere rubate.

  1. Non utilizzare la stessa password su tutti i siti.

Se avete problemi a ricordare tutte, scrivetele e tenetele in un posto sicuro (non su un post-it giallo incollato sotto il lap-top, ad esempio. Ebbene sì, molti utenti lo fanno…). Gli esperti di sicurezza in genere non suggeriscono di scrivere le password, ma rimane comunque una scelta preferibile rispetto all’utilizzare una sola password dappertutto.

  1. Quando utilizzate sempre la stessa password (la maggior parte delle persone non seguirà la regola numero 2) almeno usate una password diversa per il vostro account di email. La casella di posta contiene troppe informazioni utili a un hacker per introdursi anche in altri account. Troppe volte il login su un sito corrisponde all'indirizzo email dell'utente; le password per il proprio conto corrente online (incluso PayPal) e i siti che hanno i nostri numeri di carta di credito devono essere uniche.
  2. Utilizzare password della giusta lunghezza e combinazione.

Una buona password deve avere come minimo sette caratteri e lettere, numeri e caratteri non-alfa-numerici (come ad esempio “&” e “%”). Un buon metodo è quello di utilizzare una frase, con parole sostituite da codici non alfanumerici. Ad esempio “Il%mio%cane%ama%il%rischio%” magari sostituendo la lettera “o” con “zero” “Il%mi0%cane%ama%il%rischi0%”. Oppure si può utilizzare una stringa, anziché una parola, ad esempio "zaq12wsx”.

  1. Non collegatevi alla vostra banca o a PayPal attraverso una rete pubblica.

Prestate particolare attenzione quando vi collegate online da reti pubbliche. Effettuate sempre il log out e non cliccate “ok” quando il sistema vi chiede se volete ricordare la password. Ripulite sempre la cache, la cronologia e i temporary files quando avete terminato. Questo eliminerà ogni traccia del vostro passaggio da occhi indiscreti.

 

fonte: http://www.libero.it