Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Navig@re Consapevolmente

Navig@re Consapevolmente

Sviluppare un atteggiamento consapevole e costruttivo al web per evitare che diventi il sostituto della realtà

Genitori Inform@tizzati

Genitori Inform@tizzati

Tutto ciò che dobbiamo conoscere per evitare e prevenire i rischi online

Nonni Inform@tizzati

Nonni Inform@tizzati

Il progetto formativo "Nonni Inform@tizzati" nasce dal desiderio di promuovere una società della conoscenza inclusiva, abbattendo il digital divide tra generazioni

Jacob nel mondo virtuale

Jacob nel mondo virtuale

Il progetto risponde all’esigenza di informare e formare i bambini sulla navigazione sicura online

Il down di Facebook svela come il social network si comporta con le foto caricate dagli utenti

 

L'interruzione dei servizi di Facebook e Instagram ha permesso agli utenti di osservare come l'intelligenza artificiale di Facebook assegna i tag alle immagini e le cataloga

Durante  il down dei servizi Facebook, Whatsapp, Instagramgli utenti hanno potuto  osservare come l’intelligenza artificiale di Facebook assegna i tag contenuti nelle immagini.

Durante il blackout del servizio di Facebook, alcuni utenti hanno notato che al posto di vedere le consuete foto delle vacanza, del cibo o degli amici, il social network mostrava un riquadro bianco con due righe di testo che riportavano il contenuto della foto.

I tag mostrati durante il blackout delle funzioni di Facebook (fonte: TheVerge)

 

Alcuni dei suggerimenti riportati dall’intelligenza artificiale del social network fanno riferimento agli oggetti contenuti, altri fanno rifermento alle persone, indicandone le caratteristiche somatiche e facilmente individuabili come, per esempio, “l’immagine potrebbe contenere: 1 persona, barba”.

Gli stessi tag vengono visualizzati anche su Instagram, secondo quanto riporta TheVerge, ma sul social network per la condivisione di immagini, oltre a dettagliare la descrizione generale dei paesaggi e degli oggetti, l’intelligenza artificiale suggerisce anche il nome della persona presente nella foto sfruttando il riconoscimento facciale.

Facebook utilizza il machine learning per “leggere” le immagini in questo modo da aprile 2016 come parte di un progetto per l’accesso facilitato al social network. In questo modo, grazie ai tag, le immagini possono essere descritte da un riproduttore vocale alle persone ipovedenti.

 

Quello che non è chiaro è se Facebook utilizza queste informazioni per indirizzare gli annunci pubblicitari verso gli utenti. I tag delle foto contengono, infatti, numerosi dettagli sulle vite degli utenti. Con questo meccanismo Facebook è a conoscenza del fatto che possiedano un animale domestico, che hobby pratichino, quali siano le mete delle vacanze.

 

(Fonte ufficiale: https://www.wired.it/internet/social-network/2019/07/04/facebook-down-foto/)